GMcomunicazione > 2011 > MAESTRI: A.M.S.I. E COL.NAZ AL TAVOLO PER TRACCIARE IL FUTURO

MAESTRI: A.M.S.I. E COL.NAZ AL TAVOLO PER TRACCIARE IL FUTURO

A MODENA, VENERDÌ 14 OTTOBRE 2011, LA “GOVERNANCE” DEI MAESTRI DI SCI (ALPINO E NORDICO) E DI SNOWBOARD, OVVERO, A.M.S.I. (ASSOCIAZIONE MAESTRI SCI ITALIANI) E COL.NAZ (COLLEGIO NAZIONALE), SI È RIMESSA AL TAVOLO CON L’OBIETTIVO DI RIALLACCIARE I RAPPORTI E METTERE LE BASI PER UN NECESSARIO RILANCIO DELLA CATEGORIA.A MODENA, VENERDÌ 14 OTTOBRE 2011, LA “GOVERNANCE” DEI MAESTRI DI SCI (ALPINO E NORDICO) E DI SNOWBOARD, OVVERO, A.M.S.I. (ASSOCIAZIONE MAESTRI SCI ITALIANI) E COL.NAZ (COLLEGIO NAZIONALE), SI È RIMESSA AL TAVOLO CON L’OBIETTIVO DI RIALLACCIARE I RAPPORTI E METTERE LE BASI PER UN NECESSARIO RILANCIO DELLA CATEGORIA.

Negli ultimi anni tra l’A.M.S.I. – Associazione Maesti Sci Italiani – e il Col.Naz (Collegio Nazionale Maestri Sci) era emersa una certa difficoltà di condivisione e di soluzione delle problematiche legate al mondo dell’insegnamento sulla neve e, in alcuni casi, anche su sovrapposizioni nelle competenze. Situazioni queste ultime che si sono accentuate in un momento non facile dell’economia, che ha coinvolto inevitabilmente il mercato turistico invernale, e che hanno portato a un crescente malcontento con polemiche e inquietudine alla base, ossia nelle scuole di sci e snowboard e tra gli stessi maestri. “Insomma così non si poteva più andare avanti”: questa è la sintetica motivazione data da Maurizio Bonelli, presidente A.M.S.I. e Luciano Magnani, presidente Collegio Nazionale, i quali per l’occasione hanno riunito i propri Consigli Direttivi.

È stato un “faccia a faccia” chiarificatore, in primis, ma anche conoscitivo dal momento che alcuni dei membri sono agli inizi dei rispettivi mandati. Al via del lavori i Presidenti hanno esposto le motivazioni dell’incontro e delineato (non sono state però prese decisioni operative) i punti su cui si svilupperà il lavoro congiunto (e non) delle due entità. Nella fattispecie, il presidente A.M.S.I., Maurizio Bonelli, ha esposto i contenuti del documento proposto al momento della sua candidatura alla presidenza in Associazione (elezione avvenuta il 19 luglio 2011). Ha toccato diversi punti, tra i quali i più significativi sono stati: distinzione dei ruoli tra Amsi e Collegio, maggiore collegamento con le scuole e direttori, ruolo di sindacato dell’Associazione, l’importanza di un lavoro di squadra, attività in ambito internazionale, sede comune dei maestri italiani. Successivamente la parola è stata data ai Consiglieri per uno scambio di opinioni e suggerimenti di proposte; fase che si è protratta per oltre due ore. Una delle problematiche portate alla luce è quella internazionale, ossia il riconoscimento e la gestione dei maestri stranieri sul territorio nazionale, poi il profondo lavoro che dovrà essere fatto di promozione del maestro di sci e snowboard italiano, l’importanza dei ruoli dei Collegi Regionali sull’uniformità dei corsi di formazione e nella gestione degli Eurotest. Ma è stata sottolineata anche la funzione della F.I.S.I. (Federazione Italiana Sport Invernali) nella componente tecnica dei maestri italiani e la necessità si comporre un Comitato d’intesa tra A.M.S.I. – Col.Naz.- F.I.S.I. I presidenti Amsi e Collegio hanno inoltre segnalato la volontà di organizzare un Congresso Direttori Scuola verso la fine di novembre.

[AMSI]
Share Button