GMcomunicazione > 2018 > FRANÇOIS D’HAENE RACCONTA L’ULTRA TRAIL

FRANÇOIS D’HAENE RACCONTA L’ULTRA TRAIL

Abbiamo chiesto a François d’Haene, super star del trail running come ci si prepara ad un primo ultra trail. Tra gli allenamenti e la raccolta nei suoi vigneti, l’atleta Salomon ha risposto a una dozzina di domande e ci ha dato i suoi consigli. Lui vince… spesso… Quindi se si ha in programma di partecipare ad un “ultra”, questa intervista potrebbe interessare!

Preparazione fisica:

Per un corridore che punta ad un ultra trail, quali sono le distanze da considerare durante gli allenamenti?

Questo aspetto dipende dall’esperienza del corridore e dal suo livello di allenamento. Ovviamente, dovrà trascorrere qualche ora in montagna e soprattutto vedere come il suo corpo reagisce a tempi di gara molto lunghi. Personalmente per un ultra di circa 20 ore, i miei allenamenti più lunghi sono di circa 6-7 ore, e a volte lo faccio per più giorni consecutivi“.

 

Quali sono le diverse fasi di progressione in chilometri per raggiungere un livello ultra?

Il chilometraggio non significa molto in montagna. L’irregolarità, i dislivelli e la tecnicità del terreno possono fare la differenza. Il tempo trascorso in montagna è molto più significativo così come la diversa intensità. Siamo tutti in grado di trascorrere otto ore in montagna camminando quasi per tutto il tragitto; poi bisognerebbe riuscire a correre sempre di più, fino a correre tutto il tempo. Ecco dove è la progressione secondo me“.

 

Qual è la tua distanza più lunga percorsa in allenamento per preparare un ultra?

Io ragiono di più in termini di tempo trascorso in montagna. Forse 10 o 12 ore la mia uscita più lunga. Ma è più proficuo fare più allenamenti piuttosto che allenamenti più lunghi“.

 

Ti alleni anche con il maltempo per prepararti?

Certamente! Avendo figli e una vita professionale, devo adattarmi e approfitto del tempo libero che ho. Questo ti insegna anche a gestire il tuo corpo in condizioni difficili. Ma non dimenticare di continuare a divertirti e ad adattarti“.

 

Come ti prepari per la gestione della nutrizione e dell’idratazione?

Nel cercare di capire i segnali del mio corpo. Convalidando determinate esperienze e mantenendo ciò che ha funzionato nelle avventure precedenti. Sono più di 12 anni che cerco di migliorare la gestione di tutto questo“.

 

Un corridore che partecipa al suo primo ultra, deve fissarsi degli obiettivi precisi sui tempi delle sezioni di corsa?

Affatto! È importante che veda la gara nella sua interezza e che si ascolti, e si gestisca per portarla a termine. Solo allora sarà in grado di vedere quali elementi possono migliorare e fissare un obiettivo”.

 

Preparazione mentale:

Ci sono esercizi di preparazione per le sfide psicologiche e mentali che si incontreranno durante un ultra?

Per me no. Sto cercando di scoprire perché voglio prendere parte a questa o quella gara per pianificare bene e scegliere i miei obiettivi all’inizio della stagione. In base a ciò pianifico la mia preparazione e la motivazione cresce lentamente fino alla gara“.

 

Un consiglio per gestire i momenti di scoraggiamento durante la gara quando la sfida sembra impossibile?

Mantenere le cose in prospettiva. Ricorda il motivo per cui sei lì, perché scegli di essere lì. Continua a dirti che è solo uno sport; quello sfinimento e quella stanchezza sono passeggere. E non dimenticare di fare un po’ di autoironia sulla tua condizione!”.

 

Dividi la corsa in segmenti in modo che appaia meno impressionante e più breve?

Sì, lo divido in segmenti per affrontarlo meglio, ma non dimentico mai di immaginarlo nella sua interezza. Altrimenti rischi di distrarti su sezioni che possono sembrarti più facili!”.

 

Quando ripensi al tuo primo ultra, qual è stata la parte più difficile e come hai superato questa sfida?

Naturalmente avevo paura, quindi ho iniziato lentamente con un solo obiettivo in mente: raggiungere il traguardo. Poi, ho dovuto affrontare cose che sorgono su lunghe distanze che non avevo idea di come affrontare: cibo, crampi, esaurimento, dolori e sfregamenti”.

 

Preparazione dell’equipaggiamento:

Come utilizzi tuoi allenamenti per prepararti a ciò di cui potresti aver bisogno dal punto di vista dell’equipaggiamento durante la gara?

Cerco di mantenere ciò che funziona e ne provo sempre di nuovi materiali da Salomon prima di una gara. Affidarsi al tuo equipaggiamento è fondamentale. Quando sono sulla linea di partenza di un ultra, ho bisogno di fidarmi del mio set-up ed essere certo delle prestazioni. Per questo lavoriamo molto con gli ingegneri Salomon sullo sviluppo, sui prototipi, sulla personalizzazione e sui materiali. Dalle calzature all’abbigliamento, alla maglia che uso. È un lavoro intenso, ma imparo molto“.

 

Qual è il miglior tipo di vino da bere prima di una gara? Rosso o bianco?

Non produco vino bianco, quindi dico senza esitazione: rosso. Ma ovviamente è molto importante trascorrere un momento di relax prima della gara. Il giorno prima, o pochi giorni prima, per finalizzare la fase di preparazione, stringere i limiti, motivare, reimpostare l’equilibrio e passare alla modalità GOAL! Mi piace farlo con un buon bicchiere di vino, ma la chiave è prendersi il tempo per farlo!”.

 

In English: https://www.salomon.com/int/blog/article/ultra-advice-from-francois-da-haene

#SalomonRunning #TimeToPlay

 

Share Button