GMcomunicazione > 2013 > CON I PROFESSIONISTI DELLA NEVE PIÙ SICUREZZA IN PISTA

CON I PROFESSIONISTI DELLA NEVE PIÙ SICUREZZA IN PISTA

LA LEZIONE DI SCI (ALPINO O NORDICO) O DI SNOWBOARD NON HA SOLO VALENZA TECNICA, MA PUÒ ANDARE INCONTRO ALL’ALLIEVO PER QUANTO CONCERNE IL RIPARO DA POSSIBILI INFORTUNI. BASTANO SEMPLICI REGOLE… LA LEZIONE DI SCI (ALPINO O NORDICO) O DI SNOWBOARD NON HA SOLO VALENZA TECNICA, MA PUÒ ANDARE INCONTRO ALL’ALLIEVO PER QUANTO CONCERNE IL RIPARO DA POSSIBILI INFORTUNI. BASTANO SEMPLICI REGOLE…

Il periodo delle vacanze di Natale e Capodanno, da poco concluso, si è contraddistinto per un buon afflusso di turisti in buona parte delle località sciistiche d’Italia. Le notizie però di tanti sciatori e snowboardisti sulla neve fornite da diversi media hanno riguardato anche tanti incidenti (di svariata gravità) sulle piste da sci. Una materia, quella legata agli infortuni sulla neve, assai delicata e che racchiude in sé un’infinità di fattori, molti dei quali non gestibili, ma non è sempre così. In merito agli strumenti che possono essere messi in atto per ridurre o, quantomeno, limitare il più possibile gli infortuni durante le giornate di sci e snowboard, la Scuola Italiana Sci intende evidenziare quegli aspetti che, legati direttamente o indirettamente all’attività dei professionisti della neve, possono aiutare nella prevenzione degli infortuni stessi.

TECNICA, E NON SOLO STILE…
A una lezione di sci (alpino e nordico) o snowboard, singola o collettiva che sia, possono prendere parte tutti, dai bambini agli anziani. E uno dei primissimi aspetti che il professionista della neve prende in considerazione riguarda lo “status” dell’allievo/a: età, livello tecnico, allenamento fisico, carattere e ambizione. La lezione dunque impostata dal maestro o dalla maestra sarà adattata ad hoc alle singole esigenze. Questo è un primo ma fondamentale passaggio per approcciare la neve in modo graduale e senza ripercussioni psicologiche, quindi in sicurezza, indipendentemente che si tratti di un principiante o di un turista “evoluto” che decide di rimettere gli sci ai piedi dopo un anno di stop. Il miglioramento della tecnica, ottenibile attraverso diversi percorsi tecnico/didattici, una volta terminata la lezione o il corso, consentirà all’allievo di affrontare le discese con un’impostazione più efficace. Ciò, a livello pratico, oltre a soddisfare gli esteti del “gesto” permetterà all’allievo/a di affaticarsi meno durante l’azione con il risultato di ottenere un maggiore controllo degli sci o dello snowboard. Insomma, migliore tecnica uguale a minore fatica e, quindi, maggiore controllo e sicurezza in pista, anche nei confronti degli altri.

CONTINUA A LEGGERE IL COMUNICATO: SCARICALO IN FORMATO .PDF A LATO IN ALTO

[AMSI]
Share Button