GMcomunicazione > 2011 > SUUNTO: GRANDE SUCCESSO PER LA PRIMA EDIZIONE DELL’ALPAGO ECOMARATHON

SUUNTO: GRANDE SUCCESSO PER LA PRIMA EDIZIONE DELL’ALPAGO ECOMARATHON

SI È SVOLTA IERI, 19 GIUGNO 2011, LA PRIMA EDIZIONE DELL’ALPAGO ECOMARATHON: UN’INTERESSANTE MARATONA SPOSATA DA SUUNTO E CHE, AL SUO ESORDIO, HA GIÀ CONQUISTATO I CUORI DEGLI OLTRE 218 PARTECIPANTI (ISCRITTI 224). CONDIZIONI METEO IDEALI, UNO STAFF ALL’ALTEZZA DELLA SITUAZIONE E, SOPRATTUTTO, UN PERCORSO ORIGINALE CONTRADDISTINTO DA PANORAMI INCANTEVOLI HANNO FATTO SÌ CHE LA PRIMA EDIZIONE DELL’ALPAGO ECOMARATHON FOSSE UN SUCCESSO, E GIÀ SI PENSA AL 2012…SI È SVOLTA IERI, 19 GIUGNO 2011, LA PRIMA EDIZIONE DELL’ALPAGO ECOMARATHON: UN’INTERESSANTE MARATONA SPOSATA DA SUUNTO E CHE, AL SUO ESORDIO, HA GIÀ CONQUISTATO I CUORI DEGLI OLTRE 218 PARTECIPANTI (ISCRITTI 224). CONDIZIONI METEO IDEALI, UNO STAFF ALL’ALTEZZA DELLA SITUAZIONE E, SOPRATTUTTO, UN PERCORSO ORIGINALE CONTRADDISTINTO DA PANORAMI INCANTEVOLI HANNO FATTO SÌ CHE LA PRIMA EDIZIONE DELL’ALPAGO ECOMARATHON FOSSE UN SUCCESSO, E GIÀ SI PENSA AL 2012…

A detta di tutti è stato un successo, non ci sono altri termini per definire la prima edizione dell’Alpago EcoMarathon: maratona amatoriale che si è svolta domenica 19 giugno 2011 a Puos d’Alpago, in provincia di Belluno. SUUNTO, e anche SALOMON (altro brand di Amer Sports Italia), ha sostenuto gli organizzatori della manifestazione attraverso la fornitura dei premi per i primi classificati e, poi, innumerevoli gadget che sono stati donati a tutti gli iscritti. Non solo. A sorpresa l’organizzazione, tramite Veneto Agricoltura, ha fatto si che ogni atleta giunto all’arrivo ricevesse una medaglia e un faggio del Cansiglio, simbolo di questa terra. I partecipanti, giunti al traguardo, sono parsi (all’unanimità) entusiasti del percorso, dell’organizzazione per quanto riguarda i rifornimenti e per la cospicua presenza dei volontari lungo il tracciato, dopodiché un meteo decisamente favorevole ha completato la riuscita della manifestazione. Per chi invece non se le sentita di affrontare il percorso della maratona, gli organizzatori hanno proposto un’escursione guidata di Nordic Walking, lungo un anello di 12 chilometri e un dislivello complessivo di 400 metri. L’Alpago EcoMarathon era al suo esordio tra le molte maratone amatoriali (e non) che sono organizzate sul territorio nazionale nella bella stagione, ma la prova è stata superata ottimamente e la prossima edizione (17 giugno 2012) è già stata segnata sulle agende di coloro che domenica hanno preso il via.all’Alpago EcoMarathon sono già aperte e gli organizzatori prevedono circa 200 partecipanti. Per chi invece non se la sente di affrontare il percorso della maratona, gli organizzatori propongono un’escursione guidata di Nordic Walking lungo un anello di 12 chilometri e un dislivello complessivo di 400 metri.

ALPAGO ECOMARATHON, IL PERCORSO ALLA LENTE:
Dal Campo sportivo di Puos si risale lungo l’argine del torrente Tesa e, dopo avere attraversato la strada, si prosegue nel bosco, ai margini del torrente per circa 700 metri. Seguendo poi l’indicazione “Sentiero dei morti”, a sinistra, si sale per un ripido ma breve sentiero che porta a camminare lungo il margine della piana, a valle di Garna. In seguito, attraversato il piccolo centro seguendo l’indicazione a sinistra verso il maneggio, si raggiunge la bella e panoramica frazione di Torch. Lì nella pittoresca piazzetta è previsto un breve ristoro. Dopo si prosegue verso la Chiesetta di San Pietro a Valzella: un piccolo gioiellino che ancora custodisce dentro le sue mura di recinzione l’antico cimitero. Scendendo lungo un valloncello in discesa (piuttosto sconnesso) si raggiunge Valzella, per deviare poco dopo a destra in corrispondenza del “Tariòl” per raggiungere il fondo valle del torrente “Le Valde”. Dopodiché, attraversato il ponte e raggiunta l’altra sponda del torrente, si risale per una suggestiva strada del bosco che porta in quota per raggiungere il caratteristico borgo di “Sitran” da cui, poi, si ridiscende lungo sentiero delle “Scalette” fino a “La
Viola”. Infine, attraversata la statale, all’arrivo mancano solo 300 mt di strada asfaltata e diritta.

Share Button